Italy overhauls its development cooperation system in search for a fresh start.

Italy may well now sport a Ministry of Foreign Affairs and Development Cooperation; in fact, the good news is that the Italian Parliament gave its final clearance to the legislation to reform the Italian development cooperation system last week, on 1st August. Domestically, the final go ahead was welcomed by many decision makers and interested observers even if the general political context was not helpful as the final vote took place amidst fierce divisions around other legislation the Houses were discussing in parallel, including a substantive institutional reform.

Despite divisions across the political spectrum, the aid bill got only two nays in the plenary voting sessions at the Senate and the Chamber of Deputies. This is the final chapter in a story of attempted reforms that has spanned about twenty years. There is also an ironic side to this story: not many seemed to care about Italian cooperation, but, when it came to fixing it, all different sorts of interests coalesced to stop the reformers. Kudos to the current political leadership, in the Government and in the Parliament, that has pushed this reform through at last.

You may like it or not, but this is a comprehensive reform, which covers many aspects from governance to stakeholder’s participation, from transparency to the role of the private sector. It is hard to lump everything together in a few lines, but, nonetheless, it is worth noting down a few of the signature changes as well as the issues that the secondary legislation now in the making will have to settle.

But, before getting lost in the nitty-gritty, let me also praise my fellow CSO colleagues. For many years, CSOs have been through a struggle in the midst of on/off political interest, fundamentally reflecting the recurring crises typical of the Italian political system, dominated by a severe economic climate which provided the right context with which to kill the ODA budget, under the assumption that development cooperation means no votes.

Despite this, CSOs have kept working and now some of their flagship demands are well planted in the reform. But their job is not over as more participation – including active CSO involvement is needed to ensure that the final combination of structures and norms are up to the challenges, namely those of creating a new Italian development cooperation system ready for the post 2015 agenda.

First things first. Development cooperation has become part and parcel of the Cabinet line up as there is now a Ministry of Foreign Affairs and Development Cooperation. And not only: there is also a deputy minister for development cooperation, who will take part in Cabinet meetings whenever issues of development concern are directly or indirectly on agenda. This wide latitude of action may bode well for an increased capacity to address policy coherence, which is explicitly mentioned in the legislation along with the effectiveness principles.

In terms of planning and coordination, the Cabinet will endorse a rolling three year plan to provide clear indications as regards priorities. The three year planning document will have to go through the scrutiny of the Parliament first as well as get assessed by stakeholders gathered in the national development cooperation council, which brings together all sorts of players public and private in a consultative forum. Other aid providing administrations will take part in the planning process through an ad hoc inter ministerial committee; the aid total will be captured yearly in a specific section of the budget law to offer a comprehensive picture of the resources available, which should be allocated to ministries after agreement in the inter-ministerial committee. Provisions also include reporting on an annual basis, which should mark a dramatic departure from the current practice, whereby MPs get accounts with a two year delay.

This is not the only good news regards transparency, which should benefit from a radical change of perspective and, more specifically, from the creation of a public online database to provide timely updates on activities in the making.

The right complement to renovated governance is a brand new Italian Agency for development cooperation. The Agency will operate under the Ministry’s oversight in compliance with the Italian legislation; the actual space for the initiative of an Agency has been the subject of arm-twisting for many years, fuelled by those that, from inside and outside the diplomatic community, feared a diminished role for the Ministry itself. The Agency should provide a greater degree of permanent knowledge and responsibility compared to the current system, where all the apical roles pay tribute to the goods and the bads of a diplomatic career based on regular jobs rotation.

One notable change is in the broadening of the community of the development actors, eligible for public funding through selection procedures, which now is expanded beyond national/local government entities and development NGOs to embrace a wide range of CSO players, which are just required to have development cooperation in their missions. But the reform goes well past this as it acknowledges the for profit sector as a development actor eligible for ODA funding. At this point, so the story goes that, thanks to the vigilant work of CSOs, MPs amended the original draft to state clearly that interested companies must abide by the commonly agreed CSR standards; companies involved in arms trading are not included whatsoever.

One unexpected outcome is provision for the creation of the first ever Italian development financial institution; such a systemic change was brought about in the second reading, at the Chamber of Deputies, as the proposal was not included in the original draft tabled in the Senate. Technically speaking, it is not a new body, but rather, everything is about endowing new development goals and capacities into the “Cassa depositi e prestiti”, which is “a joint-stock company under public control, with the Italian government holding 80.1% and a broad group of bank foundations holding 18.4%, the remaining 1.5% in treasury shares…. manages a major share of the savings of Italians – postal savings – which represent its main source of funding” ( for more, check out on http://www.cassaddpp.it/en/index.html).

But the making of the new Italian development cooperation is just at the beginning as secondary legislation is needed to fix the working arrangements. In fact, within 180 days of publication, the statute of the new Agency will have to be agreed, which in turn will pave the way for the appointment of the first Director; within 90 days, the national conference will have to come to life; the framework to operationalise the Italian financial institution still needs to be discussed. CSOs have put on the table their concerns, which include the right balance between the political leadership (the Minister/Deputy Minster + the diplomats) and the operational arm (the Agency); the Agency’s capacity to seek funds from the public, which may erode CSOs’ space; fragmentation of resources – just partially addressed through the ad hoc budget annex that is a feeble interpretation of the single trust fund called for by CSOs; the actual rules that will apply to the for profit sector.

So, the clock has definitely started clicking, but it is easy to predict that all the pieces will have fallen into place not before at least 12-18 months. A lot of work still needs to be done and it is more important than ever that all stakeholders be given the opportunity to be part of the process. There is a major risk to avert – complexity: things need to be kept as easy as possible to bring on board public opinion or else the much needed popular support for development cooperation will hardly materialize.

One legitimate question to pose: will the fate of the Italian development cooperation change? Let’s be honest and remind ourselves that Italy is one of worst performers when it comes to implementing global commitments. Unfortunately, poor ODA levels – 0,16% of GDP in 2013 – are an indisputably bad presentation card. So, will Italy’s performance improve? On the plus side, efficiency, effectiveness and coherence may be better, given the substantive changes in governance, transparency and planning. But the hopes for better quantitative performance may basically rely on the new financial twist of the Italian development cooperation as grants and concessional loans cannot be expected to grow. But the financialization of cooperation is not just an Italian peculiarity and may deserve its own ad-hoc commentary beyond the scope of this piece. ldf
— end —

Annunci

Approvata la riforma! Promemoria per il cantiere cooperazione.

Ci siano, la riforma della cooperazione italiana ha ricevuto l’ultimo sigillo: il voto conclusivo del Senato è giunto il  1 agosto: la corsa per mettere a punto tutti i tasselli della nuova cooperazione è appena partita. Abbiamo un nuovo dicastero: il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale. Giusta la soddisfazione per aver chiuso una storia di tentate riforme lunga 20 anni; non possiamo però perdere di vista proprio ora l’obiettivo finale che va oltre l’approvazione di un testo normativo e prevede la messa in opera di una struttura e di regole che devono mantenere le aspettative. Non solo: c’è infatti da intervenire su quegli aspetti che possono ancora adesso dividere, quali il ruolo del settore profit nella cooperazione.

Vale quindi la pena di appuntarsi alcune questioni per districarsi nei passaggi che dovranno essere affrontati e risolti nel giro di pochi mesi, a partire dall’entrata in vigore della riforma. Sono infatti 180 i giorni che ci separano dall’adozione dello statuto che darà sostanza alla creazione di un’”Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo”; diversi gli aspetti che dovranno essere regolamentati e, fra questi, le procedure per il reclutamento del personale oltre che del primo direttore dell’Agenzia, che lascerà il segno nel futuro della cooperazione. Serve un approccio nuovo per questo passaggio, che non deve essere affidato solamente alla correttezza delle procedure. Di chi abbiamo bisogno? Di una persona che abbia una forte competenza di cooperazione internazionale e una comprovata capacità gestionale, all’altezza dei nuovi strumenti della cooperazione.

Altro capitolo è quello della trasparenza e partecipazione, che ritroviamo in più parti del testo di legge. Infatti, la cooperazione che ci piace non deve essere soltanto efficace ed efficiente, ma deve essere anche partecipata e democratica. La funzione del Consiglio nazionale della cooperazione – che deve vedere la luce rapidamente, entro 90 giorni ‑ deve essere esaltata, assicurando una genuina capacità di iniziativa oltre che adeguate modalità per la rappresentanza dei diversi gruppi di stakeholders, che consentano a tutto il mondo della cooperazione di far sentire la propria voce nei processi di programmazione e valutazione.

Ma quali sono le altre novità introdotte da questa riforma da non perdere di vista? Non sono poche le norme che modificheranno il sistema della cooperazione così come lo abbiamo conosciuto negli ultimi venti anni, ma i cambiamenti che non ti saresti aspettato possono essere riassunti in alcuni punti in particolare. Il fatto più evidente è il ruolo della Cassa depositi e prestiti di istituzione finanziaria internazionale, introdotto con emendamento nel passaggio del provvedimento alla Camera. Non solo, sempre alla Cassa viene affidato il ruolo di gestire la parte dei prestiti “concessionali” (a condizioni di tale favore da potere rientrare a tutto titolo negli aiuti): la Cassa quindi diventa il motore finanziario della nuova cooperazione italiana. Alla stipula di una convenzione fra il Ministero, l’Agenzia e la Cassa è affidata la definizione delle modalità con le quali l’attività finanziaria della cooperazione potrà prendere corpo; anche questo è un capitolo troppo importante per non essere oggetto di un processo di verifica e consultazione.

Come non ricordare poi la questione dell’inclusione del settore business fra i soggetti della cooperazione? Anche grazie all’iniziativa delle organizzazioni della società civile, il testo delle riforma richiede alle imprese di aderire a standard di responsabilità sociale; adesso si tratta di concretizzare questo provvedimento, individuando le norme di riferimento e le procedure per poterle applicare con forza e trasparenza.

Il ruolo del Parlamento e della società civile è non meno importante in questa fase, che deve essere sottratta a un approccio puramente tecnico visto che l’obiettivo è dare sostanza a scelte che sono e rimangono politiche. Occorre andare avanti, intervenendo per migliorare quanto raccolto fino ad ora; non possiamo tornare indietro.

ldf

La cooperazione italiana si da alla finanza ?!?

 

coop itaRoma, 17 luglio 2014. Siamo nelle fasi finali della discussione alla Camera dei Deputati della riforma della cooperazione allo sviluppo; si passa poi a quello che dovrebbe essere il voto finale al Senato. Approvare la riforma è possibile già nelle prossime settimane: l’opportunità  di modernizzare il sistema della cooperazione italiana è a portata di mano. Un passaggio alla Camera dei Deputati che ha portato ulteriori novità sulle quali vale la pena di soffermarsi. In particolare, si tratta delle norme (art 22 – http://bit.ly/1mPGoLz) che consentono alla Cassa Depositi e Prestiti (http://bit.ly/1wyCfMR) di operare come Istituzione Finanziaria per lo sviluppo. Cosa vuol dire? In poche parole la CDP potrà sostenere con proprie risorse la crescita economica dei Paesi in via di sviluppo attraverso, ed è qui la novità per il nostro sistema, prodotti finanziari a condizioni che producano dei rientri o, in termini semplificati, dei profitti che la Cassa dovrà usare per mantenersi. La narrazione generale è che queste istituzioni (già ben presenti in altri Paesi donatori e a livello internazionale) possano coprire il buco lasciato dalle banche tradizionali, che non intervengono in aree (Paesi e settori) che non producono dei profitti secondo i termini di mercato, come in molti casi sono proprio i servizi pubblici, educazione e salute nei Paesi in via di sviluppo. Ma anche la più recente critica da parte delle società civile mette proprio in dubbio la bontà di questo meccanismo, a partire dalla capacità di queste istituzioni di sostenere le imprese dei Paesi partner (http://www.eurodad.org/aprivateaffair ). La cooperazione italiana si appresta a muoversi su un terreno tutto nuovo; è improprio saltare a delle conclusioni, ma è opportuno definire limiti e criteri. Vorrei partire dal più ovvio, ovvero che le iniziative di sviluppo che la Cassa potrà intraprendere dovranno essere chiaramente economicamente sostenibili per la Cassa stessa: NON intervenire laddove NON è finanziariamente possibile per evitare oltre il danno la beffa, ovvero che a rimetterci ci sia anche il nostro Paese. In queste situazioni, prestiti concessionali e doni possono essere la soluzione. L’aspetto decisivo è il fatto che anche queste operazioni abbiano una chiara finalità di sviluppo e che quindi il ruolo della direzione politica della cooperazione –  ovvero del nascente Ministero degli Esteri e della Cooperazione oltre che dell’Agenzia – debba essere ben chiaro, sin dalla definizione della convenzione che dovrà regolare i rapporti tra tutti questi attori. Non solo, anche queste attività dovranno essere parte integrante dei processi di programmazione e valutazione, per evitare di sottrarre una potenziale parte significativa della cooperazione delle fondamentali attività di pianificazione e controllo. Su questo aspetto qualche preoccupazione è legittima visto che, negli articoli dove si definiscono il campo della cooperazione (art. 4) e i principali strumenti di programmazione (art 12 – il documento triennale di programmazione e indirizzo), questa nuova dimensione della cooperazione italiana non è in evidenza. Una mancanza alla quale si dovrà rimediare, almeno nelle fasi di implementazione della legge. — fine —

MPs’ call for a minimal increase to stop Italian ODA demise. Will the Government listen?

Italian MPs take side to defend aid. The Italian budget is in the making right now; the Council of Ministers is expected to endorse the plan early next week, which will have then to go through the scrutiny of the Parliament. The early news does not bode well as it seems that at this stage the ODA budgets managed my the MOFA is likely to slide back from this year’s levels.

The numbers at stake are minimal compared to the ODA targets Italy has endorsed many times in the past; the money this is about won’t change the Italy’s station in the donor community. But the political struggle to defend some minimal ODA increase is nevertheless important. In fact, if ODA budgets go down in 2014, it will be most unlikely to realize the calendar to achieve 0,31% by 2017, which was endorsed officially just a few months back. Secondly, this is also about the power balance within the government: between the ministry of foreign affairs and the treasury, which is always playing ahead of pack and is able to rig-fence the budgets allocations needed to comply with the commitments they manage directly, leaving the other players in the wet.

So, in the face of the sombre news, CSOs and MPs have take action by corralling their camps and joining their forces. They appealed to the prime minister (see the MP letter to the PM Letta:    http://bit.ly/1bSgP8P) , asking for commitments to be implemented lest Italy’s credibility reaches new lows. Incidentally, this is taking place in the very same week Italy is getting peer reviewed by DAC, which is exposing Italy’s weaknesses.

The good news is that an Italian ODA constituency has come together. The question is “will be the Goverment listen”?

ldf

Un programma di governo fa bene alle elezioni.

Facile essere ingenerosi con chi esce dalle elezioni con un risultato deludente, ma qualche osservazione a futura memoria potrebbe essere utile. Un breve esame della proposta elettorale del Partito Democratico (e di chi lo ha preceduto) deve prendere in considerazione il programma messo in campo per le elezioni del 2006, i punti della proposta Veltroni del 2008 e la carta di intenti dalla coalizione Bersani per le elezioni appena passate.

Il programma del 2006 fu bollato, dopo la dissoluzione della coalizione (i cui motivi oscuri sono tornati al centro dell’attenzione della magistratura proprio in questi giorni), come un inutile esercizio di negoziazione fra le tanti parti politiche coinvolte; un “malloppo” di più di 200 pagine che alla fine dei conti non sarebbe stato altro che un inutile fardello. Come segno di una rottura da questa liturgia politica, e quindi come manifestazione dell’approdo ad una modernità fondata su un mandato agile da interpretare, si è passati ai pochi punti e alle poche pagine dei programmi Veltroni e Bersani.

Si manca però spesso di ricordare che il “malloppo” fu anche il risultato di consultazioni che iniziarono ben prima delle elezioni e che coinvolsero tanta parte dell’associazionismo italiano, che ebbe così modo di partecipare con i propri contenuti in modo aperto e trasparente. Le elezioni del 2006 furono anche quelle della fabbrica di Romano Prodi, che nelle intenzioni doveva proprio essere il tentativo di produrre una programma nuovo, che non fosse stato soltanto il frutto esclusivo delle forze politiche della coalizione.

La costruzione di un programma di governo è un fatto che va oltre la definizione e le posizioni di un partito: è una grande opportunità per la costruzione di consenso oltre che per identificare buone proposte di governo. Non ha molto senso dire che il primo atto di governo sarà la convocazione della parti sociali a Palazzo Chigi quando è possibile fare questa consultazione prima delle elezioni, per metter insieme delle proposte comuni. Nel 2008 e nel 2013 nella corsa verso le elezioni le occasioni di confronto si sono fatte più difficili: per farsi ascoltare, l’associazionismo è stato costretto a veri e propri inseguimenti.

Che le forze politiche siano composte da gente onesta e competente è il requisito minimo indiscutibile. Ma le associazioni, le esperienze e le competenze delle tante organizzazioni della società civile italiana hanno bisogno di un sistema politico aperto al confronto su base sistematica. Prima del risultato elettorale si è molto discusso del fatto che le  elezioni 2013 potessero segnare l’affermazione della società civile. Un partito politico, la formazione guidata dal Presidente Monti, si è  attribuito lo speciale merito di essere stato invocato dalla società civile stessa; un altro si è voluto chiamare Rivoluzione Civile. Il Movimento 5 Stelle lo abbiamo visto poco all’opera su questioni nazionali, e i primi segnali sul grado di dialogo con chi è fuori il perimetro del Movimento non sono facili da apprezzare. Forse è  meglio, sia per il sistema politico e sia per l’associassimo, tornare alla pratica del confronto e abbandonare forme e ipotesi varie di affiliazione.

Buone nuove per la cooperazione dalla legge di stabilità.

Sono oggi meglio noti    i dettagli della legge di stabilità presentata dal Governo. Di seguito potete trovare il punto di vista di Actionaid, AMREF, Save the Children, Smile Train, Terre des hommes, VIS e World Vision, così come è stato riassunto nel comunicato stampa del CINI.  ldf

Legge di Stabilità 2013: timidi segnali di inversione di tendenza per la Cooperazione allo sviluppo.

Roma 19 Ottobre 2012, le ONG del CINI – Coordinamento Italiano Network Internazionali – accolgono favorevolmente l’inversione di tendenza nella Legge di Stabilità 2013 . “Dopo anni di drastiche riduzioni dei fondi destinati alla Cooperazione, il governo Monti ha deciso nel Disegno di Legge Stabilità 2013 di aumentare le risorse per la cooperazione allo sviluppo. Si tratta di una inversione di tendenza che, sebbene timida, restituisce un minimo di credibilità al nostro paese e permetterà di fare fronte, anche se con notevole ritardo e con tempi lunghi (oltre dieci anni), ai numerosi impegni con Fondi e Banche di sviluppo che il nostro paese ha sottoscritto nel corso degli anni e puntualmente disatteso” dichiara Maria Egizia Petroccione, Portavoce del CINI.

“Registriamo con soddisfazione l’inversione di tendenza rispetto alla legge di stabilità 2012 per la cooperazione allo sviluppo gestita dal Ministero Affari Esteri (legge 49/1987), passando dagli 86 milioni di euro del 2012 ai 228 milioni di euro stanziati per il 2013” continua Petroccione. “Un aumento percentuale di + 165% rispetto al minimo storico del 2012 e tuttavia siamo ancora molto lontani (-68%) dagli stanziamenti del 2008 che ammontavano a 732 milioni di euro”.

Questa decisione del Governo appare coerente con le dichiarazioni del Presidente Giorgio Napolitano in occasione del Forum della Cooperazione Internazionale, promosso dal Ministro Riccardi, tenutosi il 1 e 2 ottobre a Milano: la cooperazione “è politica estera nel senso più nobile della parola”. “E’ giusto – ha affermato il presidente della Repubblica – riportare la cooperazione tra le priorità della politica internazionale”. “La cooperazione e’ sempre stata un imperativo etico di solidarietà ma oggi, nel XXI° secolo della globalizzazione e dell’interdipendenza, è anche un critico investimento strategico nelle relazioni internazionali del Paese e per la tutela e la promozione degli interessi dell’Italia nel mondo”.

Per contro, le ONG del CINI criticano fortemente la decisione di introdurre una sorta di “franchigia” sulle donazioni fino a 250 euro in favore delle onlus. I contribuenti con redditi superioni ai 15.000 euro l’anno potranno infatti detrarre dalla dichiarazioni dei redditi solo le donazioni superiori a 250 euro, e questo non è certo un incentivo a sostenere le tante realtà della società civile impegnate nella cooperazione che, riprendendo le parole del Presidente Napolitano, “esprime i sentimenti e le energie migliori del Paese”.

CINI – Coordinamento Italiano Network Internazionali – composto dalle ONG Actionaid, AMREF,
Save the Children, Smile Train, Terre des hommes, VIS e World Vision conta oltre un milione di sostenitori in Italia ed ha
all’attivo centinaia di progetti di sviluppo in tutto il mondo.
Per ulteriori Informazioni: Segreteria CINI – Email segreteria.cini@cininet.org – Cell 348 7240285

http://www.cininet.org

Cooperazione allo sviluppo: proposte di riforma in vista del Forum da Dassù, Pistelli e Migliore.

ActionAid ha presentato la sesta edizione del rapporto “L’Italia e la lotta alla povertà”, dedicato a una valutazione delle politiche di cooperazione allo sviluppo dell’ultima legislatura, come ben ricorda il sottotitolo: “2008 – 2012: cinque anni vissuti pericolosamente”. ActionAid ha invitato a discuterne rappresentanti delle istituzioni, delle forze politiche e delle organizzazioni della società civile in un incontro il 26 settembre a Roma, a pochi giorni dall’apertura del Forum della Cooperazione Internazionale.

Il Sottosegretario agli Affari Esteri Marta Dassù è intervenuta portando un chiaro messaggio di impegno e cambiamento di rotta per il futuro della cooperazione allo sviluppo. Marta Dassù ha sottolineato che la nomina del Ministro Riccardi è già oggi un indice dell’importanza che il governo Monti attribuisce alla politica di cooperazione e integrazione. Il declino dell’APS negli ultimi anni è il risultato combinato della mancanza di risorse finanziarie e dell’atteggiamento culturale che insiste sulla teoria, ormai sorpassata in ambito internazionale, dell’inutilità degli aiuti. La battaglia è innanzitutto culturale, e l’organizzazione del forum sulla cooperazione previsto per il 1-2 ottobre a Milano è una delle tante armi che il Ministro Riccardi sta utilizzando per portare la lotta alla povertà al centro dell’agenda politico-culturale. Il Sottosegretario ha poi delineato il futuro possibile per una cooperazione più forte con: più risorse dedicate, maggiore razionalizzazione e un nuovo sistema di governance. Il governo Monti ha recepito la raccomandazione contenuta nel rapporto di ActionAid di invertire la tendenza alla riduzione dei fondi pubblici per lo sviluppo. Il documento di programmazione di fatto prevede per il 2013 uno stanziamento che eleva del 28% i fondi disponibili, e per il triennio 2013-2015 sono previsti aumenti annuali del 10%. Il nodo della limitazione delle risorse, per il Sottosegretario, rimane un paradosso per l’esigenza di dover combinare la riduzione della spesa pubblica e di rafforzare la politica estera e di cooperazione allo stesso tempo. Le risorse andrebbero razionalizzate: si tratta di spendere meglio focalizzandosi su priorità, tematiche e geografiche. Il nostro Paese per la sua storia e la sua posizione geopolitica ha una responsabilità geografica su mediterraneo e Africa. Per quanto riguarda il sistema di governance, lo scenario auspicato dal MAE è quello di un fondo unico per la democrazia e lo sviluppo, aperto a contributi dal settore privato e gestito da un comitato intergovernativo possibilmente con una agenzia tecnica.

Per Lapo Pistelli, responsabile esteri del Partito Democratico,  la priorità consiste nel metter in sicurezza l’impianto della riforma della  legge 49/87 entro il termine di questa legislatura. Questo lo scenario disegnato dal PD per modificare l’hardware della cooperazione: creazione di un fondo unico, una regia politica unitaria che sieda in Consiglio dei ministri per assicurare la coerenza delle politiche oggi frammentate tra i diversi attori, idealmente un ministro ma in tempo di tagli alle istituzioni pensare di portare a casa un ministro sembra fuori luogo. Una volta installato l’hardware sarà il software della politica e dell’economia a decidere quante risorse e la qualità.

Gennaro Migliore, responsabile esteri di SEL, si interroga se i tempi siano maturi per mettere in sicurezza l’hardware o ci sia la necessità di ridefinire il vocabolario della cooperazione, che preferisce chiamare “partenariato”. Non è convinto neanche sulla retorica dell’austerità “sono talmente scarse le risorse di questo capitolo di spesa che il loro incremento non modificherebbe di alcun che il problema economico del nostro paese, è un problema di volontà politica. Se si raddoppiassero le risorse gestite dalla DGCS , il bilancio dello stato non cambierebbe nemmeno del 1% bilancio dello stato”.

La voce che ha concluso il dibattito è stata quella della società civile con Egizia Petroccione (CINI/LINK/AOI/), che ha ribadito l’impegno delle organizzazioni italiane per la lotta alla povertà e per la lobby sulle istituzioni, con la richiesta di una nuova architettura istituzionale insieme a scelte precise favore del partenariato e concertazione, oltre che per maggiori di risorse pubbliche dedicate per la cooperazione.

— fine —

“2008 – 2012: cinque anni vissuti pericolosamente”: il 26 settembre ActionAid presenta il rapporto sulla cooperazione allo sviluppo.

Roma, 26 settembre dalle 16h45

Presentazione de “L’Italia e la lotta alla povertà”, il rapporto di ActionAid sulla cooperazione allo sviluppo italiana.

Sala Capranichetta, Piazza Montecitorio 131 / Roma

L’edizione di quest’anno è dedicata a “2008 – 2012: cinque anni vissuti pericolosamente”.

Registrazione dei partecipanti alle ore 16.45. Apertura dei lavori alle ore 17.00 da parte di Florindo Rubbettino per la casa editrice e Marco De Ponte per ActionAid; segue la presentazione dei contenuti del rapporto.

Intervento del Ministro Riccardi, intervistato da Stella Prudente, del quotidiano Pubblico.

Intervento dei rappresentati del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, delle organizzazioni della società civile e delle forze politiche.

Segue questione time.

Il libro sarà disponibile in sala il giorno dell’evento.

Si raccomanda la registrazione attraverso la scheda di adesione disponibile su http://bit.ly/Oggbqq .

Loncadina dell’evento: http://bit.ly/QpV6Zf .

2011: the Italian aid puzzling year.

The year 2011 will not pass unnoticed: Italy started with one of worst ODA performances among the DAC donors and ended up with a Development Minister in place for the first time ever. The cabinet post was created in the wake of a government change of guard from Berlusconi to Monti: it was a largely unexpected move for several good reasons, last but not least  the national dire economic situation. The Minster’s remit comprises more agendas (family policies, migration and integration, youth, and drug abuse control); but the focus on development cooperation marks a turning point.

Italian ODA performance was puzzling for at least another reason too: ODA levels went up from 0,15% to 0,19%. How could it possible that Italian aid moved up when Berlusconi Ministers were so prone to cutting ODA down? The Ministry of Foreign Affairs allocations plunged from about 700 ml euros in 2008 to nearly 90 million euro in 2011. The trick is not hard to explain once you look at the right things: 30% of 2011 bilateral aid is refugee costs, which increased by a factor of 100 due to the Arabic springs crisis. Also, don’t forget that another 36% is debt relief. Italian ODA is now heading for 0,12% of GDP in 2012 without new investments. This negative trend will not change and Italian ODA may reach 0,16% in 2015 according to the European Commission in the absence of a U turn

Italian ODA may be at the beginning of a transition period. By the end of 2011, a Minister in charge of development cooperation was appointed against all odds. It is a Minister without portfolio, which means that human and financial resources are still in the hands of the usual players: the Ministry of Foreign Affairs and the Ministry of Finance. In a most recent directive issued by the Prime Minister Monti (April 2012), it is clarified that the Development Minister is in charge of “setting the guidelines, promoting and coordinating” the activities of the Ministries which carry out development cooperation programmes; the Minister will pursue the “unity, the coherence and the effectiveness” of Italian development cooperation in general. This is a most welcome step but tensions between the Development Minister and the other players are still possible at this stage.

It can be said that Italy is used to living just a few metres from a fatal precipice; the current economic crunch complemented with a credibility crisis of the political system is just the latest in a long series of critical situations. The Italian ODA system is no exception: Berlusconi’s government between 2008 and 2011 was about to deal a final blow to Italian aid by reducing resources severely and, in doing so, placing Italy in the lot of the worst performers. The main challenge is now to give new credibility to Italy as a development actor. The appointment of a Development Minister is an encouraging start which needs to be supported with fresh resources and a comprehensive aid system reform. In this regard, the most recent three-year financial perspectives document (april 2012) commits Italy to re-aligning with internationally agreed targets though in absence of a clearly indefinable timeline.

ldf

Governo Monti, ministro Riccardi per la cooperazione. Novità assolute.

Dopo tre anni e mezzo, il Governo Berlusconi ha lasciato il posto al gabinetto Monti (http://bit.ly/w1NohK ) , che ci consegna diverse novità. Fra queste, la nomina di un ministro per la cooperazione internazionale e l’integrazione, Andrea Riccardi della Comunità di Sant’Egidio. Un ministero senza portafoglio, che dovrebbe vuol dire senza un budget operativo. Uno degli aspetti da chiarire sarà proprio la relazione con il Min. Esteri. Certo, sarebbe un bel segnale se il nuovo ministro decidesse di partecipare a Busan.

Il cambio di passo è considerevole. Scegliere di dare profilo politico alla cooperazione in un momento di crisi politica e finanziaria è un fatto di portata storica. Fa giustizia dei ragionamenti molto popolari in questi anni, ovvero che la cooperazione non interessa a e che non sarebbe potuto mai diventare un pezzo forte dell’azione di governo. In maniera inaspettata, una delle richieste delle ONG si è materializzata: un incarico di governo per la cooperazione. Non ci dovrebbero essere più alibi per evitare di inserire stabilmente e visibilmente la cooperazione nei programmi di governo. ldf